• malocchio_ga quelli che si piangono addosso, che si dicono poveri e disperati: per nove su dieci sono tutte stronzate, o meglio interpretazioni da Oscar; hanno come minimo un paio di case di villeggiatura di famiglia, auto da ventimila euro e passa, occhiali da sole di marca e la faccia talmente di tolla da lamentarsi e lamentarsi e lamentarsi ancora. Che vadano a Khartoum per verificare di persona chi dovrebbe lamentarsi. Quindi, quando lo fanno, tu mandali affanculo col sorriso sulle labbra. Capiranno
  • a quelli che ti consigliano una cazzo di medicina per ogni cosa che ti accade. Le medicine costano, amico, non permettono al tuo corpo di difendersi da solo e fanno pure male. Oltre ad alimentare quell’assurda egemonia che hanno le farmacie nel nostro paese. Piuttosto fatti una spremuta di agrumi o una canna
  • a quelli che commentano sempre tutto, dicono la loro su tutto – seppur non richiesta – e si ritengono depositari della verità assoluta. La verità assoluta non esiste, siamo tutti brave persone e ridicoli buffoni allo stesso tempo: dipende dal momento in cui ci stai osservando. Chi dice di saperne sempre di più e meglio è probabilmente colui che deve imparare più di tutti
  • a quelli che per strada provocano, ti fanno i fari da 200 metri per superarti, ti si incollano al culo, occupano strisce e marciapiedi, si intrufolano dappertutto. Tu manda giù, conta fino a dieci e pensa a cosa ti preparerai per cena (questa è difficile, sono il primo ad ammetterlo…)
  • ai tuoi coetanei vecchiacci che dicono che oggi la musica fa cagare, la moda fa cagare, le relazioni fanno cagare, il vino fa cagare, le bici sono fragili, le case fatte col culo (okay, questo puà essere vero) e così via. È semplicmente la famigerata sindrome dei fossi per il lungo. Tu non farti tirare dentro, pensa a una cosa sola: prima di noi, i nostri genitori dicevano le stesse stronzate su di noi, e prima ancora i nonni, i bisnonni, i trisavoli
  • a quelli che diffidano degli stranieri, dei meridionali, degli immigrati ecc. Provincialotti che al massimo si meritano il Salvini di turno. Cazzo c’entra la nazionalità con la validità di una persona? Se è stronza, è stronza, non serve controllare passaporto e permesso di soggiorno. Stessa cosa se invece è una brava persona
  • a chi dà la colpa di tutto ai politici. Certo, ‘sti stronzi ce l’hanno messa tutta per farsi odiare, ma il vero problema a mio giudizio è a monte: chi vota chi. Il vero problema non sono i politici, sono gli italiani
  • a quelli che dicono che la scuola fa cagare in tutto e per tutto, che si immischiano e rompono le palle a docenti, personale, preside, rappresentanti. E i bambini escono poco all’aria aperta, e fanno poche gite, e studiano male la matematica,  e hanno troppi compiti, o pochi compiti, e via dicendo. In realtà a ‘sta gente non sta veramente a cuore che le cose funzionino bene: è semplicemente entrata nel loop dei punti uno e tre qui sopra. Statene alla larga
  • a quelli che sbandierano ideologie, credo, proclama, presunte battaglie civili giusto per avere uno slogan buono per i social network, la nuova ‘piazza’. Una bella manciata di decenni dovrebbero averci insegnato che i cambiamenti non avvengono in questo modo, spostandosi di carro in carro e cantando a squarciagola la canzone dell’ultima tendenza politica o sociale. I cambiamenti dipendono dal comportamento di ogni singolo individuo, giorno per giorno. Dimmi cosa fai, cosa mangi, come ti muovi, come gestisci i rifiuti, come ti comporti per strada, nei negozi, al lavoro, a casa con coniuge e figli, e ti dirò se sei un bravo cittadino o meno. Non m’interessa quanto è figa la bandiera che sventoli giulivo
  • a quelli che dicono che presto sarà tutto digitale, o a quelli che dicono che presto il digitale sparirà del tutto. Stronzate, barcolleremo per sempre – come razza umana – tra elettronica futurista e cornetti d’avorio contro il malocchio. Senza speranza di redenzione. Parola di Truck Driver 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...