Area C

Mi fanno ridere quelli che in questi giorni si lamentano o parlano male dei nuovi provvedimenti della giunta milanese per combattere la congestione del traffico in città e l’aria pessima e dannosa per la salute dei cittadini. Vero, devo ammettere che spesso mi sembra sia solo un semplice, annoiato pour parler o un gergo molto alla moda a queste latitudini: protestare sempre ma non essere mai disposti a cambiare nulla veramente. Che poi, come scrissi una volta, credo sia una vera e propria strategia.

Pour parler o moda, quindi, ma non solo. C’è anche tra i cittadini brontoloni tanta stanchezza mentale per lo scempio tutto intorno (la capisco), poca fiducia nelle istituzioni (capisco anche questa) e palate di italica, cristallina ipocrisia (ecco, questa invece mi sta sul cazzo). La stessa che sta nel controsenso tra la proclamata crisi di oggi e il fatto che villaggi vacanze e settimane bianche siano tutti esauriti, e che per le bmw ci voglia la lista d’attesa in concessionaria. Ipocrisia del cazzo, nulla più e nulla meno. Fastidiosa, non trovate? Insopportabile, per un autotrasportatore ruspante come il sottoscritto. Ma andiamo con ordine; chi oggi si oppone all’Area C e in generale ad AZIONI per cambiare le cose – e non solo borbottii – mi provoca effetti diversi, a differenti gradazioni di fastidio:

-mi fa ridere; come quelli che dicono che così il SUV paga come la Cinquecento e quindi trotskisticamente parlando non è giusto. Ehm, amico, le polveri sottili che ti distruggono i polmoni non è roba per ricchi né per poveri. Né di destra né di sinistra. Sono veleni, e come fare per diminuirli? O abbassi il riscaldamento pompato a mille per i maledetti vecchi che popolano i condomini milanesi e che amano svegliarsi a temperature tropicali dopo il riposino post-pranzo, o dimunuendo il fottuto traffico. E come diminuiamo il fottuto traffico, babbione di un cittadino che ti lamenti sempre? Indicendo un gioco a premi? Intonando una canzone? O magari martellando chi non vuole schiodare il culo dalla propria lurida automobile? Risponditi da solo. E ricorda: fai ridere 😀

-mi fa incazzare; come quelli che protestano per tutto quello che non funziona  – e c’è da sbizzarsi, invero – e poi protestano per ogni azione determinata a provare, e dico provare, a migliorare le cose. Sempre meglio che non fare nulla, no? Di certo meglio che tre decenni di vergogna assoluta nella gestione della città. Mentre le altre città nel mondo scavavano buchi per linee metropolitane, usavano i soldi delle tasse per migliorare le cose, studiavano l’urbanizzazione e lo sviluppo del territorio, a Milano si lottizzavano gigantesche aree per farne parcheggi auto (richiamando di fatto auto e auto e ancora auto in centro città- incredibile…), ci si imboscavano mazzette, si concedevano lussuose consulenze ad amici e conoscenti, si tagliavano nastri per inaugurazioni inesistenti e si permetteva a modelle e impuniti vari di fare che quel cazzo che volevano in città. Vi andava bene così, cittadini che vi lamentate oggi? Volete ancora quel disgustoso medioevo? Oppure sarà il caso che ‘sta città con mille potenzialità esca un poco dal guscio e cominci a essere bella sul serio? Boh, vedete voi, in tutta onestà (io sono di Sistema Sesto e ho già le mie belle beghe)

-mi fa abbastanza schifo; come quelli che in verità non vogliono risolvere affatto il problema del traffico congestionato e criminale, non vogliono un paese normale dove chi attraversa le strisce non rischia la vita, chi va a scuola non viene schiacciato dalle strafottenti macchine degli altri, chi fa le cose per bene non se la piglia sempre in quel posto. Non gliene frega niente a questi di polveri sottili, tossi, malattie, disagi, invivibilità. A loro interessa solo di loro stessi, e il venerdì, dopo aver sudato la pagnotta settimanale, ci sgommano in faccia e se ne scappano nelle loro case di villeggiatura, sui laghi, al mare o in campagna. Scappano e non gliene può fregare di meno. Figurarsi se sono disposti a usare meno e in modo piu civile la macchina.

Ma voi non ascoltate questi brutti e cattivi, amici di kaizenology di Milano e dintorni. Cambiate semplicemente abitudini e cercate di andare e spostarvi in città coi mezzi pubblici. Semplice. L’unica cosa da fare.

Advertisements

4 thoughts on “Area C

  1. Quelli col suv si sono incazzati talmente tanto per l’Area C che hanno già iniziato a mettere sotto i vigili…

    A questo punto nessuna pietà… una bazookata in piena macchina, ma col tizio dentro. Ma prima va a pulire la casa del vigile per un anno usando solo la lingua…

    Spero che sta area C la mettano anche a Verona.. tanto che mi frega, c’ho la moto [non euro 0] 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...