Nessuno è perfetto

Caro Guglielmo, giusto il numero scorso mi prendevi amabilmente per il culo per il mio “buonomore” pre-vacanziero, quindi oggi provo a far rodere il culo un po’ anche a te. Mi sono cimentato in un rapidissimo calcolo, e sono arrivato a stabilire che un’amministrazione, al netto delle stronzate su ponte che porta sviluppo, waterfront, piattaforme logistiche, piani strategici, status di città turistica e altri termini insignificanti, per mantenere uno standard di vivibilità non dico scandinavo, ma almeno nordafricano (con tutto il rispetto per popolazioni che a noi messinesi ci danno km e km di merda), dovrebbe poter assicurare quattro cose: acqua corrente dai rubinetti, autobus in strada in numero congruo, un minimo di igiene ambientale e, d’estate, un minimo di pulizia delle spiagge. Il minimo indispensabile, proprio. Benissimo. Mi sono guardato intorno. Tra Pace e Sant’Agata, dal rubinetto da un mese e mezzo scende acqua di fogna. Di autobus, in una città da 250mila abitanti, attualmente ne circolano una ventina scarsa. Le strade le spazzano una volta al mese, e la spazzatura la raccolgono più o meno ogni tre giorni, le erbacce, a meno di non risiedere a piazza cairoli, una volta ogni due anni. Resta la spiaggia, che noi abbiamo il mare e noi abbiamo il sole (e voi, va da sè, solo la nebbia). Spiaggia la cui pulizia è iniziata il 15 luglio. Ecco, volevo augurarti buone vacanze lasciandoti questo pensierino. Com’è che diceva Beppe Grillo? Ah, si. Vaffanculo.
Alessio Caspanello

Caro Alessio, be’, come diceva la battuta finale di un famoso film: nessuno è perfetto. Tantomeno noi due, figurarsi l’amministrazione comunale. Direi di lasciar perdere pure la Scandinavia, comunque, vista l’aria che tira da quelle parti. E già che ci siamo sorvoliamo anche sulla delicatezza e il senso dell’opportunità che sulla tragedia norvegese ha ancora una volta dimostrato il templare padano Borghezio. Anzi, mettiamo una bella pietra sopra a tutte le storture e le meschinità che quest’anno lavorativo ci ha portato in dote. In fondo stiamo per andare in vacanza, o almeno fingiamo di andarci, e quindi perché vuoi rovinarmi il momento parlando di penuria d’acqua, di mezzi pubblici e di igiene ambientale? Dico, che sei tedesco? Noi siamo levantini, meridionali, fannulloni e irresponsabili per statuto naturale. Cosa mai ci potremmo fare? Noi viviamo alla giornata, ci arrangiamo, tiriamo a campare col sorriso sulle labbra. E dunque approfittiamone, una volta tanto, crogioliamoci nel luogo comune di noi stessi. Basta lamentarsi inutilmente, che ti viene solo il fegato cattivo. Applichiamo invece l’aurea regola espressa dal motto noto a ogni messinese, che della messinesità indolente e fatalista è la perfetta summa: bbonu compare, futtitinni. E a proposito di mancata perfezione, mi prendo due righe per cospargermi il capo di cenere per un errore della scorsa rubrica: ho scritto Finlandia quando intendevo scrivere Islanda e concludevo pure ironicamente: “Non sapete di cosa sto parlando, vero?” E grazie al cazzo che non lo sapevano… Buone vacanze.
Guglielmo Pispisa

Alessio Caspanello – Guglielmo Pispisa

qui gli articoli precedenti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...