In vacanza dalla crisi

Caro Guglielmo,
mi guardo in giro, e l’impressione che ho è quella di vivere in un universo parallelo. Perché i quattro quinti delle persone che affermano affrante di non avere una lira in tasca e quindi ‘stanno niente vacanze, al massimo ‘na simana a Vulcano (e ‘sticazzi), sono pressoché uguali ai quattro quinti che ogni giorno consumano quaranta euro di gasolio per cazzeggiare in giro col Bmw X6 comprato tre mesi e mezzo fa dopo aver mollato in leasing l’X5 di un anno d’anzianità. Quindi le cose sono due, o qualcuno si diverte a prendermi per il culo, o chi davvero non ce la fa più a campare preferisce affrontare il dramma in silenzio, maledicendo il destino cinico e baro nella discrezione delle mura domestiche. Tremoti, Milanese, Papa, la P4, la P3, la P cazzi, il lodo Mondadori, Marina Berlusconi che dà fiato all’ugola per dire “Noi non pagheremo”, che se l’avessi pronunciato io sottovoce dopo l’arrivo di una cartella esattoriale avrei l’ufficiale giudiziario alla porta dopo sei secondi netti, la Grecia che fallisce, la borsa che cala, il governo che non governa, l’opposizione che non si oppone, un’infinita teoria di magnacci che non si sa che facciano da mane a sera ma di lira in tasca sembra non manchino mai di averne. Eccola, l’estate di chi non ce la fa più a campare. E onestamente mi dispiace dover essere io a dire loro che il peggio deve ancora arrivare, anzi, è già arrivato, e forse in quell’attimo di silenzio tra una bestemmia ed una maledizione al governo ladro, si potrebbe iniziare a sentirlo bussare insistentemente alla porta, il peggio. Roba da uccidersi. Se non fosse che ste facce di merda non ti permettono più nemmeno di disporre come cazzo chiudere gli occhi per sempre.
Alessio Caspanello

Caro Alessio,
vedo che il consueto buonumore prefestivo anche quest’anno non ti viene a mancare e me ne compiaccio: gente allegra il ciel l’aiuta. Non so francamente come rispondere a tono alla tua invettiva, stavolta. Sono ormai più di dieci e forse quasi quindici anni che l’economia occidentale in generale e quella italiana in particolare registra una situazione di default (come dicono quelli che se ne intendono) che pare irreversibile. Il che detto in termini più caspanelliani, che anch’io prediligo, sta a significare che ce la stiamo prendendo in quel posto da più di dieci anni e continueremo per chissà quanto tempo. Non mi curo granché di chi si lamenta della crisi a bordo del suo SUV ultimo modello: fatti loro e della loro mancanza di buon gusto. Mi preoccupo invece per chi la crisi la sente fino in fondo e perché queste persone aumentano di anno in anno. Mi preoccupo perché i rimedi che vengono proposti da governi nazionali e dalle organizzazioni sovranazionali rispondono alla medesima logica che ci ha condotto fino a qui, col risultato di spremere solo sacrifici a chi non può farne di maggiori pur di salvare un sistema che non funziona affatto. Le pensioni future saranno ridicole, ma questo non è un problema visto che chi ha la mia età potrà andarci non prima degli 80. Se ne può uscire? L’Islanda lo ha fatto mandando letteralmente all’aria il sistema, e proprio per questo la notizia non l’ha data nessuno: a destra come a sinistra si teme l’emulazione di un modello sovversivo su vasta scala. Islandaa? Non sapete di cosa sto parlando? Ecco, appunto. Che altro dire? Resistiamo, caro mio, la vita è una roba molto dura. Per fortuna, come dice un mio amico, non è definitiva.
Guglielmo Pispisa
Alessio Caspanello – Guglielmo Pispisa

qui gli articoli precedenti
Annunci

5 thoughts on “In vacanza dalla crisi

  1. ragazzi siete splendidi,arguti,profondi,ironici il giusti e disincantati quel tanto da non farvi strappare i capelli(se ancora ce li avete ) dalla rabbia….a me sembra che ormai si aspetta la botta finale per appianare la situazione togliendo di mezzo chi ha ancora un cervello che funziona.Avete seguito los indignatos spagnoli? Manganellate e via….la Grecia? polizia,polizia e ancora polizia (tra l’altro sarebbe interessan te un’analisi sul tema “poliziotti si nasce o cisi diventa?”) A mio modesto parere alla fine cercheranno di sfoltire le fila di chi si lamenta di non avere ne’ presente ne’ futuro..come? non oso immagginarlo…..e tutto per conservare un’orda di papponi, magnaccia,esercito di portaborse,lecchini e monnezza varia.Avete fatto caso come,che so’, al parlamento europeo o in qualche summit ci siano piu persone di cui non si conosce bene il ruolo che di ministri o deputati…costoro chi sono? cosa fanno? a che servono? E pensare che si nutrono di denaro pubblico mi lascia tra lo stupefatto,l’inebetito e lo sconfortato…insomma tristi pensieri vacazionali (neologismo) da cui cerco rifugio in tanti buoni libri, poche buone persone in attesa…de che?boh….

    Mi piace

  2. grazie per i commenti Piero! con abbonamento intendi che ti sei iscritto a kaizenology? adesso succede che leggerai dei bei post (si spera), anzi puoi già cercarne tra quelle pubblicati e condividere quelli che ti piacciono se ti va.. ciao!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...