Sassolini

Allora, siamo ancora caldi dei risultati delle urne elettorali comunali. A Milano è successo un miracolo. Quasi piangerei a dirotto lacrime di gioia camionista, per celebrare questo momento cruciale, ma voglio invece mantenere il mio solito aplomp britannico, e provare come sempre a insinuarmi sobrio negli interstizi delle vicende per sviscerare, analizzare, capire, trarre conclusioni oggettive da condividere con voi.
Ehi, di chi sono queste grasse risate? Vergogna! Io sono serissimo.
Per cominciare: noi dell’hinterland milanese (dunque Milano, sì, ma anche la cerchia di città che le gravitano attorno, a cominciare dalla mia gloriosa, impareggiabile Sesto San Giovanni) abbiamo parecchi sassolini da toglierci dalle scarpe, oggi che tutti ci guardano con ammirazione. Che cazzo vi credevate, maledetti? Avremmo dovuto forse aspettare voi, sfaticati residenti di medie città opulente e lottizzate, oppure voi, stuolo di artigiani evasori SUV-muniti dei piccoli centri di provincia? Figurarsi…
Abbiamo fatto da soli, grazie. E abbiamo fatto meglio di tutti. Senza fazioni. Senza proclama. Senza capigregge. Senza stronzate. Semplicemente utilizzando quanto da decenni guida lo sviluppo delle città del mondo, totalmente bandito dalle nostre:
il buon senso. Civico.
Vivere bene.
Vivere giusto.

Oh, da oggi in poi non voglio più sentir dire:
-che a Milano sono tutti ricchi, nobili e con la puzza sotto il naso. Stronzate da Bruno Sacchi della Terza C e da film dei Vanzina, amici. Votatelo voi, un candidato di Rifondazione Comunista con il 55% dei voti al ballottaggio, se ci riuscite (e non ci riuscirete). Sì, perchè non stiamo parlando dei feudi rossi. Troppo comodo (e se mi permettete un filino ambiguo…)
-che a Milano la gente è fredda, menefreghista, insopportabile. A me sta molto più sul cazzo il paesino di provincia che strabocca di villette di lusso e maledette BMW comprate con il frutto nero del proprio lavoro artigianale, razzista nei confronti dei migranti che gli riempiono le dittarelle in espansione e dominato dal gossip di vecchie parrucchiere e di cerebrolesi da troppe lampade UVA e troppa tv.
-che questa è la città dei bauscia, dei berlusca ecc. Qui, oggi, si è voltata pagina, e DI BRUTTO. Adesso vediamo cosa farete voi. E non parlo solo di ‘destra’ e ‘sinistra’, sarebbe troppo poco e non significherebbe nulla. Io parlo di attitudine, di partecipazione, di obiettività, di scommessa per il futuro. Essere moderni. Essere pronti per il mondo di oggi. Voi lo siete? Sarebbe anche ora…
-che qui siamo tutti tristi, ingobbiti, infreddoliti. No, amici, tutte falsità. Luoghi comuni. Certo, di ingobbiti e stronzi ce n’è in giro una caterva, esattamente come in ogni altro posto. Ma l’aria a Milano non è mai stata così pulita. Ah, sì. Si respira proprio bene, credetemi (vi scrivo dal centro, ho appena consegnato una partita di provole affumicate a Versace). Adesso dateci tempo qualche mese per dare una riassettata, mandare a spaccare pietre in Siberia tutti gli arroganti sbruffoni che per una quindicina d’anni hanno fatto man bassa, e fondere tutte le loro macchine di lusso del cazzo in un’unica sfera d’alluminio che diventerà il nuovo planetario. Poi vi invitiamo tutti a vedere un’altra città. Facciamo un festone. E senza le file per il parcheggio che trovate sempre sulle coste del Salento 😀

Eh sì, sono proprio raggiante. Non ve lo aspettavate, vero? Pochi se lo aspettavano. Forse nemmeno io, che comunque dalla mia cabina autocarro vedo tutto da sopra, quasi da fuori. O forse sì. Forse me lo aspettavo. Forse poteva succedere solo qui. Ed è successo. E adesso non lo fermeremo. C’è tanta strada da recuperare.

Tanti sassolini nelle scarpe da toglierci.

Annunci

8 thoughts on “Sassolini

  1. Che botta di culo che avete avuto maledette cotolette tristi bauscia e ricche che non siete altro! 😀

    Noi ci abbiamo ancora il signor Tosi a sindaco, il pregiudicato per crimini d’odio… che culo!

    Oh almeno tutti gli zingari e i ladri d’auto ve li mandiamo a voi così ci fate la Doner Kotolet! 😀

    Mi piace

  2. 😀 maledetto Panciovilla, skinhead avvinazzato parente di Giulietta che non sei altro… andata per il Doner!

    Mi piace

  3. Sarà… tutto quel che volete (o vogliamo), ma vedere così tanta gente felice a Milano, senza esserci di mezzo il calcio, mi sa che era dal 25 Aprile del ’45, a me ha fatto piacere.
    Per il resto aspettiamo e vigiliamo gente.

    Mi piace

  4. sagge parole… anche a me, un piacere immenso- Ma sono anch’io, come te, già fuori dai festeggiamenti e nervoso per tutto quello che c’è da fare.. in ogni caso, giro spesso l’Italia e mi tocca sempre di subire la coolness di toscani, emiliani, salentini e cazzi vari 😀 avevo semplicemente qualche sassolino da rimuovere

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...