Lungo brivido Vestro

Oggi voglio fare due cose, con questo post:

1) stanare gli ipocriti, i ‘santarellini’, quelli che sembra non facciano mai nulla, non diano fastidio, non abbiano vizi, non bevano, non fumino, non si facciano le pugnette… salvo poi svelare – spesso in modo drammatico – il loro lato oscuro (per forza, lo reprimete sempre al posto di dargli spazio! maledetti santarellini…). Ecco, la domanda che segue innanzitutto è per voi. E rilassatevi, siete nel vostro habitat, nessuno vi vede, nessuno sa di cosa state leggendo (bè, tranne la polizia postale 🙂 ), potete aprirvi ed essere sinceri con voi stessi: usavate il catalogo Vestro o quello di Postalmarket per le vostre lunghe, lunghissssime sessioni chiusi a chiave in bagno, durante l’adolescenza? Certo, la domanda è valida anche per le età successive, ma se vi riferite per ultimo alla settimana scorsa allora la cosa è un pò preoccupante… mai sentito parlare di Youporn? Evolvetevi! Altra domanda: slip femminili dal design anni ’80 (vedi foto, praticamente semi-ascellari :D) o vestaglie di seta vedo/non vedo (ma più vedo meglio è, mica sono una femmina)? E non ci provate nemmeno, a negare tutto. Se non erano questi cataloghi, allora era l’Intrepido, Skorpio, o roba simile, se non addirittura titoli di un certo spessore quali ‘Le ore’ e via dicendo. Soprattutto se avevate uno zio edicolante – che invidia – o tanto sbandato da accettare le vostre mille lire di mancia per fare un salto in edicola e metterci la faccia

2) analizzare proprio quel momento magico, quel luuungo brivido ancora in parte sconosciuto (allora), mentre sul bel visino pulito esplodono brufoli a nastro e la voce fa su e giù di tono, e ci fa fare immense figure di merda fuori da scuola o davanti al bulletto preferito delle femmine. Ricordate quella sensazione, almeno un pò? So che spesso di parla di decenni, E TANTI, ma provate a fare uno sforzo. Ne vale la pena, ve lo assicuro. Io c’ho appena speso un weekend, a ricordare intensamente 🙂 sono emozioni che non tornano più, amici… candide ingenuità che lasceranno la strada a goffe, brutali abitudini malsane. Sì, dico a te, PORCO MAIALE che stai ridendo. Guarda come ti sei ridotto… e pensare che te ne stavi buono buono chiuso nel tuo bagnetto di casa per un’oretta almeno, durante l’adolescenza. Eri carino, dolce, naif come un turista giapponese al Colosseo. Tutti in famiglia sapevano, in bilico tra improbabili preoccupazioni e grasse risate, si zittivano solo quando passavi, con quella faccia da ebete, gli occhi piccoli e le guancine tutte rosse. Eri così tenero… e ora invece sei un mostro! Cosa ti è successo, amico? Raccontami.

Anzi no, tre cose con questo post, ne dimenticavo una:

3) mi scuso pubblicamente con le numerose lettrici femminili di questa acclamata serie di post Truck Driver, perchè in quanto ometto (e più vicino alla razza canina che non a quella umana femminile) non conosco a fondo le loro pratiche ehm… di auto rilassamento 🙂 e dunque non posso parlarne con altrettanta verve e precisione. Ma, giuro, lo vorrei tanto. Potete sempre contattarmi e mettermi a conoscenza delle vostre abitudini in proposito. Farò lo sforzo di concentrarmi e cercare di capire, anche se la cosa non mi interessa affatto, proprio non mi attrae. Anzi, mi fa un certo ribrezzo, a dire la verità… D’accordo, allora? Aspetto le vostre confessioni piccanti con trepidazione. Come dite? Vostre foto in completini intimi anni ’80 e vestaglie di pizzo? Se potete inviarmene qualcuna, per aiutarmi a capire? Hm, non saprei… non è una cosa che amo. Ma facciamo così: voi contattatemi e poi vediamo, ok? Non voglio darvi illusioni, ma prometto di dare tutto me stesso.

Grazie.

Di cuore.

Ciao.

Advertisements

10 thoughts on “Lungo brivido Vestro

  1. Tu ti sei evoluto in un adescatore per zoccole da webcam… “aspetto le vostre confessioni piccati”… ah schicchi!!!!

    Mai avuto per le mani skorpio o quei 2 cataloghi: in compenso alle medie giravano dei numeri di una certa rivista chiamata “Cronaca vietata” o “Cronache vietate”… vero e proprio giornaletto porno.

    Per fortuna che sul fare dei 16 è arrivato internet.. con tutti quei bei siti… tipo il blog di mastella, il sito internet di biscardi [in inglese ovviamente].. beh? mi sono evuluto in uno strano maiale e allora? 😀

    Lascio questo video che mi fa piegare ogni volta:

    Mi piace

  2. Truck: ora che è morto Sai Baba devo chiedere a te…

    ma mangiare la nutella per celebrare ferrero è una cosa che si può fare? Tradizione vuole costumi moderati in caso di decesso di qualcuno però lui era un signor nutella…

    ehh sono dubbi!

    😀

    Mi piace

  3. taci che ho ancora il magone, per Baba.. pensa che ogni tanto veniva da me a chiedere consigli- un car’uomo, dopotutto.
    la tua domanda mi fa riflettere, forse bisognerebbe per rispetto passare a un surrogato per il periodo di lutto

    che ne dici di ‘sta robaccia olandese? Da loro è una vera istituzione 😀
    http://www.google.it/search?q=duo+penotti&hl=it&sa=N&prmd=ivns&tbm=isch&tbo=u&source=univ&ei=Ig64Ta7bLNG5hAfT7rGJDw&ved=0CCQQsAQ&biw=1259&bih=847

    http://www.penotti.nl/

    Mi piace

  4. La penotti no!!!! L’ho mangiata durante un viaggio sulla ciclopista del Danubio [da cui è nato il mio odio viscerale per la bicicletta].. e mi ha veramente schifato.

    Magari la confezione era stata tenuta male o chessò però piuttosto la dieta!

    😀

    io la nutella ora me la vado a comprare… la mangerò in tono dimesso [come diceva crozza imitando sacchi “con umiltè”]

    Mi piace

  5. Sai Baba è già tornato state tranquilli. Si è reincarnato in Pram Sai Baba. Si tratta solo di capire quale tra i milioni e milioni di bambini indiani sia. Forse bisognerebbe organizzare una spedizione e andare in cerca (roba da scriverci un romanzo). Comunque alzo il calice e brindo al crimine, e a Sai Baba che ogni volta che non trovavo posto con la macchina lo invocavo e me ne faceva trovare uno… o che, e il Truck Driver mi è testimone, mi manteneva libero miracolosamente quello davanti al portone di casa…

    Mi piace

  6. Pingback: Felicità « : kaizenology :

  7. Pingback: Se no diventi cieco « : kaizenology :

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...