Io li odio i nazisti dell’Illinois, quelli sudtirolesi poi…

“Aspetta, aspetta, fermo un attimo.” Parlavo con GL al telefono mentre ero al parco con mia figlia che si arrampicava su una nave gioco e penzolava dal pennone e dal sartiame a qualche metro da terra, arrembando qualche sogno. Mia figlia ha due anni e mezzo (due e sette dice lei, mostrando anulare e mignolo) e, come dire, dovevo arrembare assieme a lei, non fosse mai che la lasciassi cadere nel mare d’erba sotto di noi… comunque ero al telefono con GL… “come sarebbe a dire in via Resia? Dove c’era il Lager nazista?!”

Ora, io me ne sbatto allegramente i coglioni dei naziskin, delle loro pose e delle loro cazzate… son pecore nere, ma si sa se le pecore nere sono più d’una fanno gregge e cercano pastori… sono darwininamente ma anche niccianamente deboli. Oltre che imbecilli. Ma chi sono io per giudicare? Vuoi rasarti, tatuarti una svastica, pogare con la cinghia per non affrontare la tua omosessualità con onestà… non c’è problema (sport, fascismo e sodomia insomma) vuoi organizzare un cazzo di concerto degli zetazeroalfa: non c’è ancora nessun problema, tranne forse che fanno davvero cagare… ma se il concerto lo vuoi fare dalle parti del lager nazista, be’ allora mi girano le palle. Eccome se mi girano.

Non vivo a Bozen da molti, tanti anni. Alle volte me ne sto aldilà del mondo (quando da voi è inverno da me è estate per capirci) eppure ogni tanto torno a casa. Ecco le ultime volte ho scoperto che i ragazzini fasci che alle superirori venivano presi a calci nel culo hanno aperto un bar dall’inconfondibile look punk ‘n’ roll (palle da biliardo n° 8, fuoco e fiamme, teschi e dadi ecc. ecc.) che però è anche la sede locale di casa pound, e che da quel bar organizzano un bel po’ di iniziative destrorse… (una cosa che perplime è vedere sul loro myspace le foto di Johnny Cash e dei Misfits… anche se intuisco.)

Ok sono degli sfigati e fanno le loro cose tra quattro gatti… e chi dice nulla… se non che qualche anno fa ci è scappato il morto per mano di quegli sfigati, se non che vogliono far suonare quell’immondizia fascista davanti al lager, se non che… la cittadinanza di Bozen non è capace di far altro che farsi i cazzi suoi e lasciare che alcune istituzioni smidollate facciano delle conferenze stampa politicamente corrette… Ma che cazzo, impedire il concerto non si può (è in zona demaniale, né provinciale, né comunale… ok il capo degli sfigati dice che non si terrà là, ma conta il pensiero no?) e forse non si deve, ma rispondere sì… eccome. Mostrare ai quattro coglioni che sono in quattro e basta e che la città li considera tali…

Sono appunti confusi i miei, dettati dalla notizia a caldo. Appunti dettati dal ritorno alla mente del perché me ne sono andato da quel buco di culo che è Bolzano, abitata da quattro buzzurri italiani ignoranti e tronfi che non si accorgono di sguazzare nel benessere, che se fosse per me li trasferirei in massa sei mesi all’anno nei quartieri spagnoli di Napoli (e viceversa con i napoletani)…

Uno dei motti degli Zetazeroalfa è “entra a spinta nella vita”… non mi resta che rispondere con “escici a spinta come lo stronzo che sei.”

http://antifameran.blogspot.com/2010/08/schwarzes-universum-in-den-medien.html

Advertisements

One thought on “Io li odio i nazisti dell’Illinois, quelli sudtirolesi poi…

  1. Pingback: Tweets that mention Io li odio i nazisti dell’Illinois, quelli sudtirolesi poi… « : kaizenology : -- Topsy.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...