Ispirarsi alla storia 1

armi-inglesi-segreteApriamo una nuova rubrica, una cosa piccola niente di pretenzioso. Solo qualche spunto preso qua e là fra le pieghe della storia, qualche fatto strano o inconsueto che può essere fonte di ispirazione per gli aspiranti scrittori o semplici lettori che seguono il blog. Avvenimenti che ci hanno colpito e interessato e che abbiamo voglia di condividere.

Cominciamo con le ARMI SEGRETE DELL’ESERCITO E DELLA MARINA INGLESE IN EPOCA VITTORIANA, un libro molto interessante edito dalla  Janus di Cagliari (non lo trovate in libreria è ancora in uscita),  dove si analizzano esperimenti fatti dalla marina inglese alla fine del XIX secolo durante le guerre in Africa. Due in particolare sono i progetti che più sbalordiscono e sorprendono per audacia e fantasia: il primo è il RHYNODESTROYER, un rinoceronte condotto da un soldato, dotato di un cannoncino posto sulla groppa dell’animale da utilizzare contro assembramenti di truppe durante la riconquista del Sudan (1896-98); il secondo è l’HIPPOTORPEDO, un ippopotamo armato condotto da un sottufficiale pilota che doveva essere utilizzato nella zona dei grandi laghi africani durante la guerra contro la Germania, il Belgio e il Portogallo agli inizi del XX secolo.

Come potete vedere dalle immagini, non si può dire che gli inglesi non abbiano inventiva. Una domanda sorge però spontanea: mentre educare un ippopotamo poteva forse essere pensabile, come si faceva a dire a un rinoceronte “Alla carica!” e sperare che ubbidisse?

Annunci

One thought on “Ispirarsi alla storia 1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...