Città Perfetta, le pedine del domino

     Darryl Domino era il cantante dei Rasberry of God, gruppo australiano, seminale, visionario, anticipatore quanto  sconosciuto. Un vero culto. Darryl Domino è anche la prima rock star profeta del pianeta a impazzare per i media senza controllo, e senza diritto d’autore. Già perché questa sorta di David Bowie/mahatma Gandhi/Gene Scott/Carmelo Bene in acido non esiste o meglio non esiste in questo piano di realtà. Le sue cellule non sono altro che una sequela di 0 e di 1: Darryl Domino è virtuale. È il sogno proibito di ogni mastodonte della musica e dell’intrattenimento: la star perfetta senza spese. Ma il Nostro è un software libero, open source, in regime di copyleft. E i suoi creatori non hanno intenzione di cambiarne la “licenza d’uso”. Insomma in Città Perfetta di Guglielmo Pispisa (Einaudi) membro dell’ensemble narrativo Kai Zen (www.kaizenlab.it), la figura di Domino, nomen omen, è quella destinata a far cadere le pedine del gioco. Un gioco duro, amaro, specchio di un presente se possibile ancor più duro e amaro fatto di multinazionali e teledipendenza, descritto con dosi di ironia ed eleganza, a metà strada tra William Gibson e David Mitchell in questo libro che è un piccolo gioiello destinato, speriamo, a trovare spazio tra le librerie di molte case. Pispisa non è nuovo alla fantascienza sui generis, già nel suo esordio, Multiplo (Bacchilega Editore) esplorava questo terreno letterario eterodosso e ricco di opportunità in un iperbolico crescendo di situazioni surreali. Rispetto alla prima fatica però, Città Perfetta è più compito e meno scoppiettante ma di sicuro più tagliente e maturo. Se Multiplo era un fuoco d’artificio sparato alla cieca nel cielo, Città Perfetta è una freccia intrisa di paccottiglia a base di cianuro e gas esilarante, diretta al centro del bersaglio. Qualcuno ha provato a spacciarlo per romanzo generazionale, ma siamo lontani interi bracci di galassia dalla noiosa. e in fondo buonista, risma di autori dediti a tale pratica votata a qualche sorriso o pensierino profondo della sera sullo stato dei trentenni di oggi. Il quadro dipinto da Pispisa ha un respiro più ampio profondo e pungente, ma soprattutto realmente disincantato: insomma mai nessun Muccino potrà e vorrà farci un film per fortuna. 

I protagonisti di Città Perfetta sono dei nerd, vagamente disadattati, che si ritrovano a fronteggiare una realtà molto più grossa di loro e il loro unico destino sembra quello di venirne fagocitati. In un mondo in cui la rivoluzione non è altro che marketing e prodotto l’unica forma di dissenso possibile è quella del camusiano uomo in rivolta. Non si tratta di ideologie o prese di posizione politico sociali ma di qualcosa di molto più profondo, quel tipo di rivolta che ha a che fare con l’essenza stessa dell’individuo, che a che fare con la dignità di fronte all’assurdo. Che sia la vita in sé od ogni altro tipo di manifestazione dell’assurdo che la vita assume, la dignità rivoltosa dell’individuo (non quella umana) è l’unico modo di fare leva e scardinare, il resto viene da solo come nel domino appunto. 

Guglielmo Pispisa ha pubblicato i suoi romanzi arrivando al mondo editoriale per vie traverse e nuove. Spedire i manoscritti a casaccio non gli è mai servito. Gli è servito invece partecipare a progetti di scrittura collettiva in rete. Grazie a Ti chiamerò Russell (romanzo collettivo open source di cui ha scritto tre capitoli), è entrato in contatto con la Bacchilega che si è interessata alla pubblicazione del suo primo lavoro. Alla presentazione del suddetto romanzo collettivo ha incontrato Wu Ming 2 che gli ha suggerito di spedire il suo secondo romanzo al sito dei 15 (comunità di lettori volontari che esaminano ogni tipo di manoscritto venga loro inviato, con l’unico impegno di offrire un parere all’autore: http://www.iquindici.org). I 15 hanno apprezzato all’unanimità l’opera, che è stata da loro proposta a Einaudi Stile Libero. Einaudi ha gradito.

Articolo pubblicato su “Liberazione” nel 2004

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...